La campionessa paralimpica Marieke Vervoort, ha scelto di morire per eutanasia

In Out of Sport

Bisogna trovarsi nella sua condizione, e poi avere la forza di scegliere. Lei lo ha fatto.
Ha scelto la strada dell’eutanasia per morire a 40 anni Marieke Vervoort, medaglia d’oro nei 100 metri nei giochi paralimpici di Londra 2012.
Nel suo paese il cattolicissimo Belgio, l’eutanasia è una pratica legale e lei aveva deciso di firmare tutti i documenti già nel 2008
.
Marieke Vervoort, soffriva di un’incurabile malattia muscolare degenerativa dall’età di 14 anni, ma questo non le aveva impedito di praticare molti sport, fino a giungere all’atletica leggera disciplina che l’ha consacrata campionessa.
Grazie Marieke per averci fatto vivere la tua grande forza, e buon vento nella nuova dimensione dove sarai libera di essere te stessa fino in fondo e senza zavorre.

Join Our Newsletter!

Love Daynight? We love to tell you about our new stuff. Subscribe to newsletter!

Leave a reply:

Your email address will not be published.

error: Content is protected !!